Dott.ssa Maria Grazia Guglielmucci
Psicologa e danzaterapeuta

CAMBIARE CONSAPEVOLMENTE

28 Febbraio 2021



“Il primo passo verso il cambiamento è la consapevolezza.
Il secondo passo è l'accettazione.
Il terzo passo è l'azione. ”

Nataniel Branden




In queste parole sono contenute tre verità fondamentali su cui credo tutti concordiamo.
Ma perché è così difficile metterle in pratica?
A. Einstein risponderebbe: “Non puoi risolvere un problema con la stessa mente che lo ha creato”.

Che significa la stessa mente?
Significa lo stesso stato di coscienza, ovvero se non cambi il tuo modo di stare al mondo e di conseguenza il tuo modo di interagire con il mondo, non potrai realizzare il cambiamento a cui auspichi.
Devi cambiare dentro per poter cambiare fuori.
Le prime due affermazioni si riferiscono al cambiamento interiore e la terza all’azione nel mondo che ne è la manifestazione.

Essere consapevoli di qualcosa significa che ne abbiamo preso coscienza, abbiamo "visto" quella cosa, l'abbiamo registrata nel nostro sistema biologico-mentale-energetico.
Accettarla si riferisce al fatto che l'abbiamo accolta (al di là che possa piacerci o no) facendola in qualche modo nostra, integrandola nel sistema.
L'agire si rifà al fatto che in virtù di quella consapevolezza e di quella accettazione/integrazione muoveremo i nostri passi nel mondo in maniere diversa rispetto a quando eravamo inconsapevoli di quella cosa.

Tradotto in parole parole se prendo coscienza di un mio aspetto interiore nascosto o inconscio come una paura, una rabbia, una tristezza, una convinzione, un pregiudizio e via dicendo, potrò cambiare il mio comportamento ovvero la mia azione nel mondo.

Essenzialmente ciò si traduce nella seguente affermazione:
mi assumo la responsabilità di me stesso/a.

Dott.ssa Maria Grazia Guglielmucci